Consigli

Scegliere una bici da strada, la guida all'acquisto di DF SportSpecialist

Dalla misura del corpo alle ruote, ecco quali sono gli elementi fondamentali da tenere in considerazione per selezionare la tua bici da strada.

Il mercato del ciclismo non è mai stato così vivo e attivo come in questo momento. Le offerte per le biciclette e gli accessori correlati sono tantissime e per questo talvolta può risultare difficile destreggiarsi. Per fare la scelta giusta soprattutto quando si parla di bici da strada è importante prestare attenzione a diversi dettagli.

Per i principianti la valutazione del mezzo più adatto si basa principalmente sull’affidabilità della bici da corsa, il comfort e l’efficienza. A mano a mano che passerà il tempo e acquisirai esperienza, riuscirai ad avere la capacità e l’attenzione necessaria per trovare la bici da strada più idonea alle tue caratteristiche fisiche e alle prestazioni che vuoi ottenere.

Bici da strada: come scegliere la misura giusta?

Una bici da strada è per sua natura meno confortevole di altre tipologie di biciclette, la posizione che si deve assumere e il manubrio ricurvo sono due elementi particolari ai quali serve tempo per abituarsi. Ma oltre alla dimestichezza che devi acquisire, è importante anche prendere le misure del proprio corpo per scegliere la bici da strada delle dimensioni corrette.

Con questi dati alla mano riuscirai a ricavare i valori utili per trovare le misure della tua bici da strada con la quale il tuo corpo potrà esprimersi al meglio, evitando dolori, fastidi e indolenzimenti.lunghezza e inclinazione del piantone, misure delle pedivelle, posizione, inclinazione e arretramento della sella, distanza sella-manubrio, altezza da terra, attacco fra pedale e scarpa e altre ancora.

Bici da strada: telaio e ruote

Nella scelta della bici da strada è importante valutare altri due elementi il telaio e le ruote. Per il primo è indispensabile selezionare dimensioni e materiale. Come detto, prendere le misure del proprio corpo è molto importante per scegliere la bicicletta più adatta: le case produttrici hanno diversi parametri in cui dividono le “taglie” delle bici e tabelle dedicate per trovare quella che potrebbe fare al caso tuo.

Relativamente al materiale del telaio per la bici da strada, in commercio ne esistono di quattro tipi: acciaio, alluminio, carbonio e titanio. Gli ultimi tre sono sicuramente i più apprezzati dai ciclisti:

  • Alluminio rigido, è una lega leggera e non troppo costosa;
  • carbonio, un materiale più costoso rispetto all’alluminio, fatto di fibre di carbonio e resine che permette di avere telai leggeri e rigidi, piuttosto confortevoli, ma che se sottoposti a forti urti potrebbero rompersi facilmente;
  • titanio, il materiale per le bici da strada più all’avanguardia che garantisce leggerezza, resistenza, rigidità e durata nel tempo, ma che ha un costo piuttosto elevato.

In merito alle ruote, invece, bisogna fare attenzione ai cerchi e ai mozzi, questi possono essere in due differenti materiali, alluminio e carbonio: le ruote in alluminio sono più economiche, ma più pesanti, mentre le ruote in carbonio sono decisamente più leggere, ma hanno un costo più elevato e hanno minore efficienza frenante.

 

Cambio e impianto frenante delle bici da corsa

Parti fondamentali di ogni bicicletta sono anche il cambio e l’impianto frenante. Il cambio permette di variare l’intensità e la durezza della pedalata. Questo elemento è composto dalle leve di azionamento, dal deragliatore anteriore e posteriore, dai pignoni e dalle corone.

Le leve del cambio della bici da corsa sono collegate al deragliatore con un cavo, una volta azionate il movimento del deragliatore sposta la catena sui diversi pignoni e corone, modificando i rapporti.

I rapporti lunghi sono quelli che permettono di sviluppare molti metri con una pedalata, richiedono forza e sono più adatti alla pianura; mentre i rapporti corti permettono una maggiore agilità di pedalata e sono utilizzati soprattutto per le salite.

Per quanto riguarda il sistema frenante, le tipologie di freni per bici da corsa sono principalmente due: i tradizionali caliper e i freni a disco.

I caliper sono “freni a pinza”: sono caratterizzati da due archetti in lega uniti da un perno che una volta azionati si chiudono causando la frenata attraverso l’attrito dei pattini sulla pista frenante del cerchio.

I freni a disco, invece, sono un sistema di derivazione automobilistica, per cui la frenata avviene direttamente sul mozzo a cui viene applicato il disco.

Per la tua sicurezza è importante che ci sia sempre una buona modulazione della frenata.

Qual è la posizione giusta da tenere sulla bici da strada?

Dopo aver trovato la perfetta bici da strada è ora di montare in sella e cominciare a pedalare. Spesso l’importanza del corretto posizionamento viene trascurata soprattutto dai ciclisti principianti ma, inutile dirlo, è assolutamente fondamentale!

Gli elementi da tenere in considerazione sono:

  • la distanza tra la sella e il manubrio;
  • il dislivello tra la sella e il manubrio.

Per le prime uscite potrai scegliere una posizione non troppo allungata e protesa in avanti, successivamente potrai affidarti “alle cure” di un bravo biomeccanico che ti potrà aiutare a trovare la posizione giusta.

Inoltre, inizialmente sarà meglio che tu esca da solo: in questo modo potrai trovare il tuo ritmo e capire come gestirti, qual è la velocità a cui riesci ad arrivare, quanti sono i chilometri che riesci a percorrere e quando invece è necessario fermarti.

In generale è buona regola, come in tutti gli sport, iniziare con gradualità e non chiedere al tuo fisico un lavoro extra che non riuscirebbe a sopportare. Anche in questo senso è importante valutare il percorso in bicicletta più adatto a te e alle tue abilità.

DF SPORT SPECIALIST
19 Luglio 2019
Articoli correlati
df-news

Sergio Longoni e la passione per il ciclismo

All’inizio era solo un grande fan e un ciclista per diletto, poi la bicicletta è diventata la sua passione e il suo lavoro…

df-news

Vector Garmin per la bici su strada

DF Sport Specialist ha provato per te il misuratore di potenza Vector Garmin: ecco la nostra recensione

Articoli recenti
Prossimi appuntamenti

Resta in attesa stiamo elaborando il tuo ordine